La possibilità di porre quesiti è riservata ai Clienti di Stile Consulting attraverso questa pagina.
I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato. Per ottenere un parere legale/fiscale/lavoro o altro, in ordine alla questione che interessa, è possibile richiedere una consulenza on-line oppure fissare un appuntamento con un nostro consulente del nostro studio di Bologna.
La risposta ai quesiti on-line è gratuita salvo per quelli ritenuti di particolare complessità , o che necessitano di un'approfondita analisi. In quest'ultima ipotesi il costo della risposta sarà variabile a seconda della complessità della materia trattata. Inviateci i vostri dati e provvederemo a spedirvi un preventivo di spesa. Se non è un Cliente di Stile Consulting, ma intende porre un quesito, può inviarcelo all’indirizzo quesitiliberi@stileconsulting.it . Verrà contattato al più presto per approfondire le modalità di accesso al servizio.
Gli autori declinano ogni responsabilità per errori od omissioni, nonché per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute nel sito.

Grazie

21/09/2007 - Stile Consulting

In caso di infortunio sul posto di lavoro l´azienda è tutelata da eventuali azioni di regresso esperite da Inps/Inail?

Il tema dell´assicurazione della responsabilità civile verso prestatori di lavoro è sempre di grande attualità. Ciò dipende, soprattutto, dalla elevata frequenza di infortuni sul lavoro che, purtroppo, caratterizza il contesto lavorativo italiano. Da qui la necessità per le imprese di dotarsi di coperture assicurative efficaci contro il rischio di azione di regresso verso il datore di lavoro da parte degli Istituti di previdenza sociale (INAIL e INPS), nonché verso la richiesta di risarcimento avanzata direttamente ed autonomamente dal lavoratore infortunatosi. A tal fine, è indispensabile che l´assicurazione cosiddetta "RCO" (responsabilità civile verso prestatori di lavoro) risulti tecnicamente aggiornata rispetto all´evoluzione della normativa giuslavoristica. Il testo di polizza deve, cioè, formulare una definizione di "prestatore di lavoro" la più ampia possibile, in modo da evitare dubbi circa l´operatività della copertura in caso di sinistro sofferto da lavoratori con contratto cosiddetto "atipico".

       F.Falzoni