La possibilità di porre quesiti è riservata ai Clienti di Stile Consulting attraverso questa pagina.
I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato. Per ottenere un parere legale/fiscale/lavoro o altro, in ordine alla questione che interessa, è possibile richiedere una consulenza on-line oppure fissare un appuntamento con un nostro consulente del nostro studio di Bologna.
La risposta ai quesiti on-line è gratuita salvo per quelli ritenuti di particolare complessità , o che necessitano di un'approfondita analisi. In quest'ultima ipotesi il costo della risposta sarà variabile a seconda della complessità della materia trattata. Inviateci i vostri dati e provvederemo a spedirvi un preventivo di spesa. Se non è un Cliente di Stile Consulting, ma intende porre un quesito, può inviarcelo all’indirizzo quesitiliberi@stileconsulting.it . Verrà contattato al più presto per approfondire le modalità di accesso al servizio.
Gli autori declinano ogni responsabilità per errori od omissioni, nonché per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute nel sito.

Grazie

28/11/2008 - Stile Consulting

Il Consigliere di una S.r.l., utilizza il bene della Società anche nei giorni festivi e fuori dai consueti orari di lavoro per esigenze personali a carattere familiare. Usa indistintamente a volte una autovettura a volte un autocarro. Precisa inoltre che allo stesso non è stato assegnato nessun veicolo per uso personale, benefit o altro. La domanda che ci pone è : quale sanzione potrebbe incorrere nel caso venisse fermato per un controllo da parte delle Forze dell´Ordine, o altra Autorità competente ?

Entrando subito nel merito , la domanda trova risposta nell´art. 82 del cod. della strada che riportiamo in seguito evidenziando in blu le parti più salienti.

Art. 82. Destinazione ed uso dei veicoli

1.    Per destinazione del veicolo s´intende la sua utilizzazione in 
       base alle caratteristiche tecniche.
2.    Per uso del veicolo s´intende la sua utilizzazione economica.
3.    I veicoli possono essere adibiti a uso proprio o a uso di terzi.
4.    Si ha l´uso di terzi quando un veicolo è utilizzato, dietro
       corrispettivo, nell´interesse di persone diverse
       dall´intestatario della carta di circolazione. Negli altri casi il 
       veicolo si intende adibito a uso proprio.
5.    L´uso di terzi comprende:
   a.    locazione senza conducente;
   b.    servizio di noleggio con conducente e servizio di piazza
          (taxi) per trasporto di persone;
   c.    servizio di linea per trasporto di persone;
   d.    servizio di trasporto di cose per conto terzi;
   e.    servizio di linea per trasporto di cose;
   f.    servizio di piazza per trasporto di cose per conto terzi.
6.    Previa autorizzazione dell´ufficio della Direzione generale 
       della M.C.T.C., gli autocarri possono essere utilizzati, in via 
       eccezionale e temporanea, per il trasporto di persone.
       L´autorizzazione è rilasciata in base ai nulla osta del prefetto.
       Analoga autorizzazione viene rilasciata dall´ufficio della
       Direzione generale della M.C.T.C. agli autobus destinati a
       servizio di noleggio con conducente, i quali possono essere
       impiegati, in via eccezionale secondo direttive emanate dal
       Ministero dei trasporti con decreti ministeriali, in servizio di
       linea e viceversa.
7.    Nel regolamento sono stabilite le caratteristiche costruttive del
       veicolo in relazione alle destinazioni o agli usi cui può essere 
       adibito.
8.    Ferme restando le disposizioni di leggi speciali, chiunque
       utilizza un veicolo per una destinazione o per un uso diversi
       da quelli indicati sulla carta di circolazione è soggetto alla
       sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro
       74 a euro 296 .
9.    Chiunque, senza l´autorizzazione di cui al comma 6, utilizza
       per il trasporto di persone un veicolo destinato al trasporto di
       cose è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento
       di una somma da euro 370 a euro 1.485 .
10.  Dalla violazione dei commi 8 e 9 consegue la sanzione
       amministrativa accessoria della sospensione della carta di
       circolazione da uno a sei mesi, secondo le norme del capo I,
       sezione II, del titolo VI. In caso di recidiva la sospensione è
       da sei a dodici mesi.

Alla norma del Cod. della Strada va ad aggiungersi :
1)    se il mezzo non è assicurato per uso promiscuo, in caso di 
       sinistro l´assicurazione non ha copertura.
2)    L´utilizzo improprio del veicolo aziendale potrebbe
       comportare altresì un accertamento in capo alla Società al fine
       di verificare il comportamento dell´Azienda  in merito alla
       deducibilità o meno dei singoli costi ad esso riferito, questo 
       con maggiore probabilità nel caso il controllo avvenisse da
       parte della G. di F.

          G. Prati